Support #RumoriCalcio project

Hello everybody,

For a year I have been a member of a soccer team called RUMORI CALCIO, composed of players from Italy, Poland, Georgia, Turkey, Egypt, Palestine, Estonia, Russia, England, the Netherlands, Slovenia, Denmark, Ukraine, USA and Macedonia.

In the past we had players also from South America, Africa and other European countries.

The last year we participated in Rahvaliiga, a league organized by Estonian Football Association, but which is not part of the main league system. The participation to this competition gave us the possibility to take part in the Estonian Cup.

This year we decided to take part in the IV League of the Estonian league, this means that we need to cover more costs, especially the costs of the rent of the pitch (showers and dressing rooms) for 9-10 home matches and for this reason we decided to start a crowdfunding project, that has been mentioned also on the official web site of the Estonian soccer league (http://www.jalgpall.ee/news.php?st=style_fp.css&news_id=9569).

To achieve all that, I would like to ask you to share our idea on your main web channels (Twitter, Facebook, web site etc.) and if it is possible also your donation would be much appreciated! 🙂

Thank you for your time and having read this article. 🙂

Original project link in Estonian : http://stardipaik.ee/projektid/jalgpall/toetame-jk-rumori-calcio-2016-hooaja-iv-liiga-kodumange/

If you don’t know any Estonian, you can find some info in Italian, http://rumoricalcio.eu/progetto-rumori-calcio/, and English http://rumoricalcio.eu/crowdfunding-project-home-games/.

If you want to stay in touch with us, you can find us on :

Web: http://www.rumoricalcio.eu

Twitter: @RumoriCalcio

Facebook: http://www.facebook.com/rumori.calcio

Youtube: http://tiny.cc/lypd8x

Thank you so so much! Grazie!
Angelo Facecchia and RumoriCalcio

#RumoriCalcio, #ForzaRumoriCalcio

 

Annunci

Sostieni il progetto #RumoriCalcio

Ciao a Tutti,

Da circa un anno ho il privilegio di far parte di una squadra di calcio composta da giocatori provenienti dall’Italia, Polonia, Georgia, Turchia, Egitto, Palestina, Estonia, Russia, Inghilterra, Olanda, Slovenia, Danimarca, Ucraina, Stati Uniti e Macedonia, la RUMORI CALCIO.

In passato ci sono stati anche giocatori provenienti dal Sud America, dall’Africa e da altri Paesi Europei.

La scorsa estate abbiamo partecipato alla Rahvaliiga, un mini campionato organizzato dalla Estonian Football Association a livello amatoriale. La partecipazione a questa competizione ci ha permesso di partecipare al torneo principale della Estonian Cup.

Quest’anno abbiamo deciso di affrontare la stagione 2016 della IV.Liiga estone; ciò significa avere sì l’onore di affrontare una competizione di prestigio con orgoglio, ma anche l’onere di coprire alcune spese, quali:

  • le spese per gli allenamenti, che saranno interamente coperte da noi giocatori con i nostri soldi;
  • le spese per le partite casalinghe, da affrontare per coprire l’affitto del campo e delle sue strutture (quali docce e spogliatoi) per i 9/10 incontri casalinghi; per questo motivo abbiamo deciso di chiedere un sostegno avviando un progetto di crowdfunding che è stato riportato anche nel sito ufficiale della lega calcio estone http://www.jalgpall.ee/news.php?st=style_fp.css&news_id=9569.

Per realizzare tutto questo, volevo chiedervi di poter condividere la nostra idea di progetto sui vostri canali web (twitter, facebook, web site etc.) e magari, qualora fosse possibile, aiutarci economicamente ad affrontare le spese su indicate facendo una piccola donazione. 🙂

Vi ringrazio per aver perso un attimo del vostro tempo nel leggere questo articolo.

Il link del progetto originale, in estone, lo trovate nel seguente link: http://stardipaik.ee/projektid/jalgpall/toetame-jk-rumori-calcio-2016-hooaja-iv-liiga-kodumange/

Per chi non mastica l’estone, trovate una guida su come donare in versione in italiano, http://rumoricalcio.eu/progetto-rumori-calcio/, ed una in inglese: http://rumoricalcio.eu/crowdfunding-project-home-games/.

Se volete rimanere aggiornati e seguire le attività della squadra, ci trovate su:

Web: http://www.rumoricalcio.eu

Twitter: @RumoriCalcio

Facebook: http://www.facebook.com/rumori.calcio

Youtube: http://tiny.cc/lypd8x

Grazie, Grazie e Grazie
da Angelo Facecchia e RumoriCalcio

#RumoriCalcio, #ForzaRumoriCalcio

Finalmente…Neve!

Finalmente, dopo aver trascorso due inverni, 2013-14 e 2014-15, con pochissima o poca neve, quest’inverno, 2015-16, la neve la fa da padrona in Estonia.

Non vedevo tanta neve dalle ultime feste natalizie trascorse in Estonia dal lontano 2010-11, cioè prima del nostro trasferimento definitivo dall’Italia.

Lo spettacolo della neve e dei suoi fiocchi  aventi di base una simmetria esagonale e spesso anche una geometria frattale, ognuno di tipo diverso e spesso aggregati tra loro in maniera casuale, creano un mix tra un’atmosfera di pace e tranquillità, benessere e piacevolezza.

Con l’arrivo della neve, la città non rimane impreparata, anzi devo dire che a Tallinn sono ben organizzati.

Ogni giorno le strade principali vengono pulite dagli spazzaneve che hanno, anche, il compito di spargere il sale per evitare la formazione di ghiaccio e renderle più sicure.

Ogni notte per i marciapiedi circolano dei mini scavatori e/o degli uomini armati di pala, che liberano il percorso pedonale e spargono dei piccoli sassolini per renderlo più sicuro.

I tetti delle case vengono liberati dalle stallatiti per mettere al sicuro i pedoni; i tetti dei centri commerciali e delle strutture pubbliche vengono sgomberati dalla neve che si accumula durante la giornata.

Però, la neve può nascondere delle sorprese, soprattutto al mattino, quando con l’auto, parcheggiata all’aperto, devi recarti a lavoro. 🙂

Sì, avete capito bene, ogni mattina, prima di recarmi a lavoro, accendo l’auto e, con il motore acceso, inizio a spalar via quei 10 cm di neve accumulata durante la notte sull’auto; a volte accade che devo raschiare via dal parabrezza, posteriore ed anteriore, e dai finestrini il ghiaccio che si è venuto a formare.

Di solito queste operazioni portano via dai 10 ai 15 minuti, dipende da quanta neve è venuta giù durante la notte.

Un altro punto a sfavore della neve è quando ti trovi nella strada privata del tuo condominio e devi procedere lentamente con l’auto e ti ritrovi a fare centomila manovre per parcheggiare perché strapiena di neve e il tuo amministratore condominiale non ha contattato nessuna ditta per spazzare via la neve. 🙂

Ma nonostante questi due piccoli inconvenienti,  vedere Tallinn con la neve è magnifico.

La neve rende Tallinn una città ancor più spettacolare, splendida e nello stesso tempo magica e fantastica.

Saaremaa

Come ho scritto in un post precedente, l’Estonia è un paese circondato da molte isole. Le principali sono Saaremaa e Hiiumaa.

Saaremaa, fra le isole estoni, è la più grande ed è situata ad ovest.

Il capoluogo dell’isola è Kuressaare.

Vi si trovano diverse località turistiche, centri termali, un castello medievale perfettamente conservato, diverse chiese e fortezze, un cratere di un meteorite ed un ambiente naturale dove si possono fare escursioni .

L’isola nel corso della storia è stata sotto il controllo di Germania, Danimarca, Svezia e Russia dove si sono combattute e susseguite al potere sull’isola.

Saaremaa è raggiungibile tramite il traghetto che collega Virtsu, cittadina situata sul continente, con l’isola di Muhu (sorella minore di Saaremaa) a sua volta collegata con Saaremaa tramite un terrapieno.

La posizione e il suo paesaggio rendono Saaremaa una località unica. I suoi villaggi hanno ancora l’aspetto originale, come il villaggio di Koguva, le case hanno il tetto di paglia e le recinzioni in pietra. Inoltre, sull’isola si possono ammirare e visitare i mulini a vento, specialmente nella zona di Angla.

Kuressaare, oltre ad essere il capoluogo, è l’unica città dell’isola. In origine la città era luogo di commercio e mercato,  nei giardini della città sorge il Castello Episcopale, unica fortezza medievale dei paesi baltici ad essere ancora intatta.

Nella città ci sono diverse strutture SPA, la prima fu inaugurata nel 1840, che rendono la località una delle mete preferite.

Sull’isola, oltre alla riserva naturale di Viidumae e il parco nazionale di Vilsandi, vi sono diverse zone di interesse naturalistico, fra queste vi è il cratere meteoritico di Kaali; il cratere è facilmente accessibile ai visitatori e ogni anno si svolge un festival canoro che attrae molti turisti. Da non perdere sono senz’altro la scogliera di Panga e le spiagge di dune di Järve.

Luoghi di attrazione turistica sono anche le varie chiese-fortezze situate sull’isola, le più importanti sono quelle di Muhu, Pöide, Valjala e Püha.  La fortezza medievale di Kõljala e le rovine del castello di Massilin.

Vi consiglio anche di fare una piccola sosta ad Orissaare, dove potete ammirare una bellissima quercia che sorge in mezzo ad un campo da calcio. Quest’albero ha vinto il premio European Tree of the Year del 2015. La quercia di Orissaare è il cuore della comunità. La legenda dice che durante l’occupazione sovietica, due trattori di Stalin, hanno cercato di tirarlo fuori dalla terra per ampliare il campo da calcio, ma con il risultato che i cavi si sono spezzati.

Saaremaa è un’isola ospitale e vi consiglio di farci una breve vacanza per rilassarvi ed evadere dalla solita routine quotidiana.

Rummu ja Murru Vangla

Rummu è un piccolissimo paese situato a 40km ad ovest da Tallinn. In questo piccolissimo centro sorge l’ ex prigione di massima sicurezza di Murru.

Murru, durante il periodo sovietico, oltre ad essere stata una prigione era anche un campo di lavori forzati dove la maggior parte dei detenuti, molti dei quali erano nemici del regime sovietico, erano impegnati come minatori e cavatori nell’estrazione del marmo calcareo che era presente nelle vicinanze.

Dal 2013 la prigione fu chiusa e, con essa, furono spente anche le pompe che servivano a tenere a secco lo spazio della cava; tutto ciò ha causando l’inondazione di oggetti e costruzioni presenti nelle vicinanze e rendendo cosi il luogo un ambiente naturale e adatto al divertimento. Infatti, ci sono diversi punti dell’ex stabile dove potersi tuffare ed effettuare delle immersioni in quello che ormai è diventato un museo sommerso.

Tenete in mente che l’intera area non è custodita, l’accesso è libero e gratuito, perciò fate attenzione quando fate tuffi ed immersioni.

Eesti lipu päev

Salve a tutti,

Rieccomi dopo un breve periodo di assenza. Oggi vorrei parlarvi della bandiera estone.

Oggi 4 giugno in Estonia si festeggia la “Eesti lipu päev”, cioe’ il giorno della bandiera estone.

La bandiera estone, conosciuta come Sinimustvalge (BluNeraBianca) e’ composta da tre bande orizzontali che partendo dall’alto sono: blu (come cielo e mare), nero (come la terra) e bianco (come la neve).

Nacque il 4 giugno 1884 come bandiera dell’Associazione universitaria degli studenti estoni all’universita’ di Tartu e successivamente divenne la bandiera nazionale quando l’Estonia divenne indipendente il 24 febbraio 1918.

Con l’invasione da parte dell’Unione Sovietica (1940) la bandiera estone fu messa al bando e fu vietato di portare qualsiasi abbinamento del tricolore estone.

Durante l’occupazione tedesca (1941-1944) il tricolore ritorno a sventolare ma fu accettata come bandiera del popolo estone ma non fu considerata come bandiera nazionale.

Durante la seconda occupazione da parte dell’Unione Sovietica fino ai giorni della perestrojka il tricolore scomparve nuovamente e solo il 24 febbraio 1989 la bandiera ritorno’ a sventolare dal Pikk Hermann.

 

 

Vastlapäev

Salve a tutti,

martedì 17/02 si è celebrato il martedì grasso; anche in Estonia viene celebrato e viene chiamato Vastlapäev.

In questo giorno si mangia la zuppa di piselli con carne di maiale e farro (hernesupp) e i panini dolci con panna e marmellata di lamponi o mirtilli (vastlakuklid).

Tradizionalmente in questo giorno, gli estoni consumavano i loro ultimi bocconi di buon cibo, cioè hernesupp e vastlakuklid, e si divertivano scendendo giù da una collina innevata con una slitta, chi realizzava la discesa più lunga avrebbe avuto un buon raccolto di lino.

Dopo il martedì grasso iniziava un tempo di purificazione spirituale, intenso lavoro e si iniziava a prepararsi per la primavera.